Vray 5 Bruciature e color mapping

Forum dedicato a tutti i motori di rendering come Vray, Corona, Octane, RedShift, inserite i vostri rendering e postate le vostre problematiche.

Moderators: natas, Arkimed, visualtricks, cappellaiomatto

  • Advertising
User avatar
masterzone
Site Admin
Posts: 9747
Joined: Fri Sep 17, 2004 5:34 pm
Location: Verona

Re: Vray 5 Bruciature e color mapping

Post by masterzone »

Ottimo! sono contento che ora il multiplyer funzioni, perche' nel 5 appena uscito se alzavi il multiplier del light material praticamente non si alzava oltre il valore di 1.

Sul discorso delle bruciature...forse mi sono espresso male oppure il mondo sta cambiando. Su Corona cambiare il tone mapping equivale a cambiarlo nella camera, sono la stessa cosa in quanto sono linkati...quindi se finisci il render e nel VFB di corona cambi il tone mapping, lo cambia sulla camera, quindi tanto vale farlo durante il lavoro...e' il bello di Corona.
Su Vray la cosa forse cambia un po perche' non e' legato alla camera il tone mapping, quindi su Vray ci sta che lo fai in post, io mi trovo sempre bene ad uscire cn l'immagine gia bilanciata con il rehinard nella camera cosi' l'immagine finale e' gia gradevole...
Lavorare tutto in post ti obbliga ad avere una visione dell'immagine futura ben chiara... ;)

Sirio76
Posts: 1999
Joined: Sun Nov 24, 2013 3:24 pm

Re: Vray 5 Bruciature e color mapping

Post by Sirio76 »

Anche su Vray il tone mapping è legato alla camera;) Se esci in linear o Reinhard impostato a 0(che è sempre linear) hai piena flessibilità qualora decidessi di aumentare/diminuire bruciature o altro, se a monte tagli parte delle bruciature sono dati che non recuperi più, praticamente passi da un’immagine a 32bit a un’immagine con una gamma più limitata e questo ti toglie libertà di intervento.
Oggi gli strumenti del frame buffer sono fantastici (poi posto qualcosa sulla quale sto lavorando proprio adesso, ho appena scoperto delle cose strepitose..), bisogna abituarsi a saperli usare e per trarne il massimo è meglio partire col color mapping di default. Il lavoro nel VFB non è da considerarsi come post produzione, è parte integrante del software ed è essenziale per ottenere risultati ottimali;)
Per il light material il valore 10 può essere sovrascritto, in un lavoro recente l’ho portato a 100 quindi almeno fino a lì funziona!

User avatar
masterzone
Site Admin
Posts: 9747
Joined: Fri Sep 17, 2004 5:34 pm
Location: Verona

Re: Vray 5 Bruciature e color mapping

Post by masterzone »

Ah si? In VRAY5 la scelta del color mapping è finalmente nella camera??? Lo avevo visto sempre nei settaggi di render, ma credo di essermi perso qualcosa. Da quando uso corona VRAY lo uso poco. :)
Sul discorso di fare nella vfb, ti do ragione certo, sistemare nella finestra finale di render un render già troppo lavorato con il color mapping può incidere sul risultato.
Però la cosa che non mi piace è che se quando fai un render non gli dai già un po’ quel tocco, togliendo la bruciatura, la visione finale mi sfugge. Sono sempre stato dell’idea che gli strumenti diretti che filtrano già un po l’immagine e ti danno già il futuro dell’immagine che realizzi, siano degli strumenti stupendi.
Fare tantissimo nella vfb esterna è una cosa che a mio avviso è sì molto potente, ma limitante lì per lì.
Avvolte quando vedo fare dei render e trovo: prima e dopo la vfb, non mi fa impazzire. Lavorare sotto tono perché so che dopo faccio faville, boh non mi eccita. :)

Sirio76
Posts: 1999
Joined: Sun Nov 24, 2013 3:24 pm

Re: Vray 5 Bruciature e color mapping

Post by Sirio76 »

Credimi Corona e Vray lavorano in modo identico da questo punto di vista;) entrambi partono da un render in linear multiply, unica differenza è che su Corona hai un garbuglio di parametri sulla camera che poi non sono altro che quelli del VFB, su Vray invece avviene in modo trasparente, una volta settato il frame buffer quei parametri restano solidali con la camera(c’è una limitazione che si può presentare in alcune circostanze ma ci stanno lavorando). Su Corona anche se imposti preventivamente la compressione delle bruciature dalla camera, il render resta sempre in lineare, semplicemente ti mostra la versione corretta, alla fine il setup sulla camera è un duplicato delle funzionalità del frame buffer.

Sirio76
Posts: 1999
Joined: Sun Nov 24, 2013 3:24 pm

Re: Vray 5 Bruciature e color mapping

Post by Sirio76 »

Posto un'esempio veloce di quello che si può fare sul nuovo frame buffer di Vray :)
https://www.dropbox.com/s/j5j1fz1sf4qdv ... s.gif?dl=0

User avatar
ocman
Posts: 1362
Joined: Thu Aug 26, 2010 8:39 pm
Location: Verona

Re: Vray 5 Bruciature e color mapping

Post by ocman »

Sirio76 wrote:
Wed Jul 21, 2021 6:50 pm
Posto un'esempio veloce di quello che si può fare sul nuovo frame buffer di Vray :)
https://www.dropbox.com/s/j5j1fz1sf4qdv ... s.gif?dl=0
Ciao Stefano. Trovo che stavolta hanno fatto un lavoro eccezionale secondo me. Purtroppo, causa poco tempo, non sono ancora riuscito a testarlo come si deve.

Sirio76
Posts: 1999
Joined: Sun Nov 24, 2013 3:24 pm

Re: Vray 5 Bruciature e color mapping

Post by Sirio76 »

La prima release della 5 ancora mancava di varie cose, ma sopratutto con l’aggiornamento 5.1 sono rimasto molto soddisfatto di come si sta sviluppando il software (e il meglio deve ancora arrivare;) ), il time laps era giusto per dimostrare un compositing veloce nel VFB ma non immagini la quantità di cose che ci si possono fare. Normalmente io mi limito al tone mapping ma se necessario tra light mix, cryptomatte ecc la versatilità è enorme.

User avatar
masterzone
Site Admin
Posts: 9747
Joined: Fri Sep 17, 2004 5:34 pm
Location: Verona

Re: Vray 5 Bruciature e color mapping

Post by masterzone »

Sirio76 wrote:
Thu Jul 22, 2021 11:19 am
La prima release della 5 ancora mancava di varie cose, ma sopratutto con l’aggiornamento 5.1 sono rimasto molto soddisfatto di come si sta sviluppando il software (e il meglio deve ancora arrivare;) ), il time laps era giusto per dimostrare un compositing veloce nel VFB ma non immagini la quantità di cose che ci si possono fare. Normalmente io mi limito al tone mapping ma se necessario tra light mix, cryptomatte ecc la versatilità è enorme.
mooolto figo!

  • Advertising
Post Reply