Cinema 4D R20

3 agosto 2018

Maxon presenta la nuovissima Versione 20
La release sarà disponibile dopo l'estate, nel frattempo chi acquista la versione 19 in promozione riceverà in automatico la nuova release 20 appena sarà disponibile. Piu info qui

Materiali Basati su Nodi
Dalle semplici referenze agli shader più complessi, potrete costruire materiali straordinari in un ambiente basato su nodi. Effetti complessi creati tramite nodi possono essere elaborati come asset ed usati come materiali semplici, visualizzando unicamente i parametri necessari. I materiali basati su nodi della R20 hanno il potere di cambiare il vostro modo di lavorare, indipendentemente dal fatto che siate voi stessi a creare i vostri shader personali, o che facciate un semplice uso di risorse condivise da altri.
Ogni nodo esegue funzioni specifiche, dalla Correzione Colore alla Distanza Camera, generando disturbo, gradienti, pattern, squame o graffiature ... che graffiano solo in superficie! Cinema 4D R20 include oltre 150 nodi che potrete usare per costruire le vostre texture personali. E non preoccupatevi: oltre ad essere facilmente reperibili tramite il nome o una parola-chiave, sono integrabili con semplici comandi di interfaccia.
I nodi offrono una funzione molto specifica, ma se li combinate tra loro le possibilità diventano infinite. È possibile trascinare facilmente i connettori per collegare gli input e gli output, e aggiungere convertitori alle connessioni esistenti. Attivate l’anteprima in qualsiasi fase di lavoro e rendete mute le connessioni in modo selettivo per capire come ciascun nodo contribuisce al materiale. Combinate i nodi in gruppi, i gruppi in asset, per usare queste risorse direttamente nei vostri progetti o per condividerle sotto forma di file .zip.
Collegate un colore (o una texture o un altro elemento) a più canali, in tutto il materiale. Quando sarà il momento di apportare una modifica, lo farete una volta sola.
Combinate i Nodi per creare shaders personalizzati e visualizzate solo i parametri che intendete modificare o che intendete far modificare ad altri.
La finestra dell’Editor Nodi offre una panoramica completa di tutti gli elementi. Non dovrete più inoltrarvi tra i meandri dei vari canali e shader per visualizzare tutto ciò che contribuisce a definire il materiale.
Create nuovi asset da Gruppi di Nodi e memorizzateli nella scena, nelle preferenze, o condivideteli in semplici .zip. Gli asset includono tutte le versioni, così sarà facile gestirne l’aggiornamento.

MoGraph Field



La Decadenza è uno degli aspetti più potenti di Cinema 4D e del set di strumenti MoGraph. Questa funzione rende facile ottimizzare un effetto in base a semplici forme. I Campi vi consentono di sovrapporre su livelli queste forme, di collegarle a più effetti e tanto altro ancora. È un universo completamente nuovo di possibilità
I Campi definiscono la forza di un effetto, che si tratti di un Effettuatore MoGraph, di un Deformatore, di una Mappa Vertice o di un Tag Selezione. I diversi tipi di Campo offrono tanti modi per definire questa forza: dalle forme più semplici agli shader, ai suoni, fino agli oggetti e alle formule. Ponete i Campi uno sopra l’altro, su più livelli, usando le modalità di fusione standard, e rimappate i loro effetti. Raggruppate più Campi e usateli per aggiungere ogni sorta di effetto.


Importazione CAD
Importare sarà la cosa più semplice! In Cinema 4D R20 potete importare in modo facile e diretto i file Solidworks, STEP, Catia, JT e IGES. Importate interi macchinari con qualsiasi tipo di elemento - oggetti, spline, istanze e gerarchie - e iniziate a creare visualizzazioni strabilianti in Cinema 4D.
È sufficiente trascinare qualsiasi file CAD in Cinema 4D e iniziare. Otterrete quasi sempre qualcosa di fruibile con i settaggi predefiniti! Per una maggior potenza e precisione, potete dialogare con ogni genere di opzione per controllare le normali, la gerarchia della tassellatura e altro ancora. E, naturalmente, l'opzione più importante: scambiare gli assi Y e Z in modo che tutto vada nel verso giusto!

SCALE-BASED TESSELLATION:
Quando si importano formati CAD in Cinema 4D, i dati NURBS vengono convertiti in poligoni tramite la Tassellatura. La R20 implementa un'interfaccia di tassellatura basata su scala davvero unica, che consente di regolare il livello di dettaglio in base alla dimensione dell'oggetto. Se aumentate il dettaglio solo dove è necessario, renderete uniforme il modello principale senza sprecare milioni di poligoni per minuscoli dadi e bulloni.


MODELLAZIONE VOLUME
Standerd OpenVDB
Create modelli complessi aggiungendo o sottraendo forme base in operazioni di tipo booleano. Oppure create effetti di crescita animati trasformando il Disturbo e i nuovi Campi MoGraph in vera geometria. Tutto questo è possibile grazie al Costruttore Volume e al Generatore Mesh Volume di Cinema 4D, entrambi basati su OpenVDB. La modellazione Volume offre un sistema interamente procedurale per creare oggetti che non avreste mai nemmeno immaginato.
Costruite volumi organici o a superficie rigida in modo completamente procedurale: combinate diverse primitive e oggetti poligonali con operazioni booleane quali Unisci, Sottrai e Interseca. Aggiungete o sottraete spline, cloni, campi e altro ancora per creare velocemente forme complesse, smussando o rimodellando il risultato con i modificatori di voxel. Con il remeshing VDB, potete rielaborare rapidamente la topologia delle mesh per aggiungere in modo più efficace i dettagli desiderati tramite il potente set di strumenti Sculpting di Cinema 4D.



MIGLIORIE A PRO-RENDER
Subsurface Scattering La nuova generazione di rendering GPU nativo è arrivata, ed è ricca di funzionalità professionali per aiutarvi a realizzare i vostri progetti. Renderizzate Subsurface Scattering, Motion Blur e Multi-pass sul vostro PC super-potente o sul vostro iMac d’avanguardia!
Motion Blur Non è possibile trasmettere una vera idea di movimento senza le sfocature. ProRender, nella Release 20, supporta sia il Motion Blur Lineare per semplici animazioni PSR, sia il Motion Blur Sub-Frame per le deformazioni. Quando si utilizza la funzione Motion Blur Sub-Frame, i risultati di ogni sub-fotogramma vengono calcolati in modo da ottenere risultati di rendering più veloci e di qualità superiore con il minor numero possibile di iterazioni per fotogramma.
Rendering Multi-pass: Sbloccate la potenza nel compositing con il nuovo workflow multi-pass di ProRender. Oltre all’illuminazione standard e all’emissione di pass, è possibile restituire le Coordinate Globali, le UVW, i pass normali e di profondità. Isolate i vostri materiali con un pass ID Materiale o ID Oggetto, o assegnate colori a specifici gruppi di oggetti all'interno del tag Compositing. Potete anche scegliere se ciascun singolo dato andrà trasmesso in anti-aliasing in base a come prevedete di utilizzarlo durante il compositing.
Nella Release 20, ProRender supporta il Colore MoGraph, il Cielo Fisico e il rendering nativo del disturbo basato su Voronoi. Isolate le varie ombre per un facile lavoro di compositing degli oggetti 3D nei metraggi o nelle immagini statiche, Ottimizzate la velocità e la qualità del rendering grazie ai singoli controlli per le profondità Diffusione, Lucentezza, Rifrazione e Ombre

Maggiorni info anche sul sito Maxon

Condividi